VI Edizione di “Vini calabresi in vetrina ed in degustazione” — (28 giugno 2009)

La manifestazione ha coinvolto più di 60 esercizi commerciali distribuiti lungo tutto corso Umberto, compresi gli espositori della domenica dell’Antiquariato: con la loro adesione hanno realizzato l’allestimento con al centro la bottiglia di una cantina; le cantine interessate sono state  31, per un totale di 72 etichette.

La degustazione dei vini si è svolta nel tratto finale di Corso Umberto, con la presenza anche  di numerosi turisti stranieri, attirati a Soverato da questo appuntamento invitante. I vini, suddivisi per provincia, sono stati presentati alla degustazione dagli stessi produttori, dal gruppo di soci Slowfood e di amici di Davoli, che hanno collaborato attivamente fin dal montaggio degli stands. In abbinamento i formaggi Dedoni, il pane Cuti di Rogliano, il pane di Cutro, il formaggio Crotonese ed i salumi delle aziende Gigliotti di Serrastretta, Ussia di Guardavalle, Cozac di Piano Lago.

Il lungo tratto di Corso Umberto è stato animato dai suoni itineranti dei Parafonè, che in alcuni angoli hanno coinvolto i degustatori nelle tradizionali tarantelle. Una sosta particolare (meno affollata ma altrettanto significativa) è stata realizzata presso la traversa Regina Elena, tra le botteghe di ceramica e di artisti, dove il mastro cupetaro Bruno Platì ha preparato la cupeta, facendola degustare con il passito Stretto Criserà di Reggio Calabria (binomio apprezzatissimo in ogni occasione in cui è stato presentato).

L’evento è stato seguito in diretta da Studio 54, che dal suo pulman posto al centro del corso, ha mandato in onda interviste e musica per allietare la serata; tra gli stands altre interviste e servizi di Lino Polimeni (Calabria Channel) che ha apprezzato molto l’iniziativa, ricordando il suo recente servizio realizzato a Vinitaly.

Le vetrine votate sono state 14 (Folli Follie, Abitare, Gerace, Iana, Zara Factory, Eventi, Godfather, VisionOttica Ivanue, Gerardo Sacco, Carpisa, Gioielleri Parisi, Vaniglia Chic & Easy, Sia Store e Gioielleria Ciancio), dislocate su tutto il Corso Umberto compreso tra l’angolo di Via Regina Elena e la Stazione ferroviaria. Le vetrine più votate sono state:

  1. EVENTI (vetrina n.13)
  2. SIA STORE (vetrina n.35)
  3. MAGAZZINI GERACE (vetrina n.3)

Alle prime tre classificate saranno consegnati i premi (un oggetto artistico in ceramica) con la pergamena; alle vetrine votate sarà consegnata soltanto una pergamena.

Ringraziamo tutti quanti hanno contribuito alla riuscita della manifestazione, soprattutto quanti sono entrati in sintonia con lo spirito e con il messaggio che Slow Food cerca di dare in questi anni: fare di Soverato un luogo piacevole di incontro tra cittadini e turisti, promuovere la conoscenza dei prodotti gastronomici Calabresi di qualita’(in questo caso dei vini), stimolare la creatività e la partecipazione.

Ci riteniamo soddisfatti perché finalmente in questa edizione abbiamo avuto gli apprezzamenti da parte delle aziende coinvolte e perché abbiamo registrato per la prima volta alcune proposte concrete da parte di operatori economici di Corso Umberto. Infatti, anziché aspettare passivamente che si concludesse la manifestazione proposta da SlowFood Soverato (magari aderendo senza entusiasmo o aspettando la conclusione per fare solo critiche) alcuni coraggiosi e creativi operatori hanno colto il messaggio e, partendo dalla bottiglia loro assegnata per l’esposizione, si sono attivati per entrare in contatto con il produttore, dando vita sia a vetrine particolarmente curate ed in sintonia con l’etichetta, sia alla realizzazione di incontri di approfondimento sul vino, all’interno del loro negozio.

Ringraziamo quindi Ernesto Gualtieri di Folli Follie, per avere ospitato ben due incontri: uno con l’azienda lento (Lamezia Terme) rappresentata da Katia ed uno con l’azienda Senatore (Cirò) rappresentata dal titolare; con la guida dei titolari e del sommellier Maurizio, gli ospiti (chefs, ristoratori, titolari di strutture turistiche e persone desiderose di apprendere) hanno potuto degustare i vini scoprendone le caratteristiche organolettiche e soprattutto conoscendo la storia e la vigna che sta dietro ogni bottiglia. Sono stati presentati: il Lamezia doc 2007 ”Dragone” della cantina Lento e l’IGT Calabria Bianco “Silo” della cantina  Senatore; in abbinamento formaggi del territorio(Catanzarese e Crotonese).

Stessa atmosfera di cordialità presso il negozio Sia Store, dove seduti in salotto, il gruppo invitato dalla  titolare Cristina Impellizzeri ha potuto incontrare la cantina Statti, rappresentata da Dionisio, che ha presentato e fatto degustare il Greco IGT Calabria 2008, che con la sua confezione argentata comunicava il tocco elegante della sua struttura; lo chef Cosmino Basile, invitato da Paolo Sia, ha proposto in abbinamento alcune cruditè ed il salmone. 

Altro incontro significativo si è tenuto presso il bar GodFather, dove i titolari Katia e Luigi hanno coinvolto il barman Sandro laugelli di Catanzaro per presentare una novità: un aperitivo insolito realizzato con il rosato Luna Piena della nuova cantina Termine Grosso che sorge tra i comuni di Roccabernarda e di Cutro; alla presentazione, oltre ai titolari dell’azienda Antonio e Patrizia Giglio Verga, hanno partecipato l’enologo dell’azienda, Antonio Colosimo, gli amministratori del comune di Soverato, il sindaco di Cutro Migale (che ha portato anche il famoso pane del suo paese). L’aperitivo arricchito da piccoli frutti, sarà proposto come aperitivo dell’estate 2009, partendo da Soverato, ma coinvolgendo possibilmente i locali dell’intera fascia Jonica, cui si ispira per le caratteristiche e le origini delle sue componenti, questa è anche l’idea del sindaco Raffaele Mancini e degli assessori presenti (Munizzi, Rattà, Matozzo, Gioviale): Slow food Soverato si attiverà per la riuscita di questo importante obiettivo.

Altre aziende, quali Fratelli Davoli (Lamezia Terme) e Criserà (Reggio Calabria), si sono presentate con i rispettivi produttori ad un piccolo gruppo di degustatori più attenti, che utilizzando lo spazio messo a disposizione dal bar Dolce Mania, hanno potuto conoscere i vini, presentati in collaborazione con gli esperti Saveria Sesto e Pierfrancesco Multari.

In conclusione, questa edizione di Vini calabresi in vetrina e in degustazione rappresenta un signicativo passo in avanti rispetto agli anni passati, per l’importante rete che si sta creando tra il mondo della produzione ed i consumatori, che amiamo chiamare coproduttori per mettere in evidenza il ruolo che abbiamo tutti noi, quando consapevolmente ci troviamo a scegliere tra i prodotti che si trovano sul mercato.

Abbiamo in cantiere un appuntamento che realizzeremo in autunno: la presentazione in Calabria di GUIDA AL VINO QUOTIDIANO” 2010, Slow Food editore, la cui selezione per la Calabria è stata fatta a Soverato nel mese di maggio, con una commissione diretta da Giancarlo Gariglio.

Di seguito alcune foto della manifestazione.

 

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *