BREVE RESOCONTO DELLA NOSTRA ASSEMBLEA DI CONDOTTA

Si è svolta presso i locali della proloco di Davoli l’assemblea annuale dei soci convocata per l’approvazione del bilancio e per l’adeguamento dello statuto.

Il fiduciario Luigi Tropeano ha illustrato i punti salienti del nuovo statuto elaborato sul modello di quello nazionale approvato al congresso 2014,  sottolineando i cambiamenti che sono scaturiti (già in sede di Congresso Nazionale 2014) dai contributi di tutte le condotte a livello nazionale, registrando con piacere anche la sintonia con l’approccio a slow food che da tempo contraddistingue la condotta di Soverato.

Interessanti gli interventi al dibattito da parte dei soci, che hanno segnalato nuovi argomenti  di azione nel campo della tutela della biodiversità (Franco Santopolo), della salute (Gerardo Mancuso), del paesaggio (Marisa Gigliotti), della salvaguardia della agricoltura familiare (Piero Martelli) e della cucina “di casa” (Domenico Cosentino). Su queste tematiche si è subito registrata la disponibilità  della socia Lucia Vaccaro, per la prossima campagna di controllo biologico delle patologie dei pomodori mentre il  socio Gianni Sgrò ha voluto omaggiare i partecipanti di un pacchetto del progetto Naturium di farina della qualità senatore Cappelli, molita con le macine in pietra.

Sui temi sollevati da tempo dalla condotta per il settore  Apistico e per la salvaguardia della scarpina  e del litorale di Soverato, si è registrato l’intervento di Arturo Bova, socio della condotta e neo consigliere regionale, che si è impegnato a portare avanti le due battaglie sia a livello ministeriale (Aethina Tumida, api) sia a livello del consiglio regionale (in sintonia con le battaglie del comitato Salviamo la scarpina cui aderisce la nostra condotta).

L’assemblea ha approvato il proprio bilancio (in attivo) e votato i delegati per l’assemblea regionale Slow Food che si terrà il 26 aprile a Lamezia Terme, recependo anche le istanze sollevate da molti soci in merito all’organizzazione regionale e che saranno  riportate come contributo per un percorso di Slow Food Calabria  più incisivo e democratico.

Vista l’importanza dei temi su cui sarà impegnata tutta la condotta e la volontà di operare con contributi significativi e di spessore scientifico e culturale, si è deciso di istituire un comitato scientifico a supporto di tutta la condotta.

L’assemblea si è conclusa con un bel momento conviviale dei soci presso il ristorante “La perla” a Soverato.

qualche ricordo fotografico..

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *