A GUARDAVALLE TRA I FASTI DEL PASSATO E . . .L’ABBANDONO DEL PRESENTE

Per il concorso fotografico “Vivi il territorio – 10 scatti autentici nei borghi“, cui abbiamo aderito come Condotta, siamo stati a Guardavalle il 6 maggio, nel nostro percorso di visite mirate nel territorio.

Guardavalle ha un centro storico un pò addormentato  dove sono visibili le vestigie del suo antico splendore e dei grandi personaggi che ne hanno segnato la storia tra cui il più noto, il cardinale Sirleto.
Lungo il percorso, dopo l’accoglienza degli amministratori comunali, assessori Montepaone e Lucifero, ci siamo inoltrati  nei vicoli segnati da caratteristici tralci di vite che si arrampicano sulle facciate, con la preziosa guida del prof. Valentino.
Durante la passeggiata è stato possibile visitare l’arco di San Carlo, le chiese del Rosario e del Purgatorio e la Torre Giordano da cui si dominano tutto il centro storico e la costa.

Una prima sosta gastronomica è stata quella presso un antico catoio, dove erano stati allestiti i tavoli con i prodotti del salumificio Ussia e dell’azienda Quaranta con i suoi oli, per un assaggio in abbinamento al pane ed al vino locale.

La sosta a pranzo presso una tipica trattoria nel borgo ha concluso la mattinata con piatti semplici e prodotti del territorio.

Nel pomeriggio  una sosta al  museo della civiltà contadina Pietrarotta presso l’agriturismo ha chiuso questa uscita fornendo altri elementi utili per capire il senso e l’identità del luogo attraverso le testimonianze in esposizione.

La giornata  è stata  l’occasione per fare tante foto e partecipare al concorso fotografico nazionale “10 scatti autentici” promosso da  Borghi autentici d’Italia, che vede coinvolti oltre a Guardavalle anche i borghi di  S.Caterina Jonio, Badolato e S. Andrea Apostolo sullo Jonio, Riace. La condotta Slow food Soverato versante Jonico, dopo queste prime visite esplorative appronterà i pacchetti promozionali da distribuire ai turisti che oltre al mare vogliono conoscere l’entroterra con i suoi tesori storici ed enogastronomici.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *